L’IVA per l’illuminazione delle lampade votive nei cimiteri

Chiarimenti sul trattamento Iva applicabile al servizio di illuminazione elettrica con lampade votive gestito direttamente dai Comuni (Agenzia delle Entrate – Risposta 04 dicembre 2018, n. 4).

Rientrano nel campo di applicazione dell’IVA i servizi concernenti la manutenzione delle tombe, l’illuminazione elettrica con lampade votive e in genere tutti gli altri servizi disciplinati da disposizioni di natura privatistica.
Ne consegue che lo svolgimento di tale servizio da parte del Comune è soggetto ad IVA e, dunque, l’Ente locale è tenuto in quanto soggetto passivo a tutti gli obblighi previsti dal decreto IVA, in ordine alla fatturazione, registrazione, liquidazione, versamento e dichiarazione delle operazioni svolte in esercizio d’impresa o a esse equiparate.