Attivazione contestuale di registratori telematici per più punti vendita


In caso di più punti vendita facenti capo ad un unico soggetto passivo IVA, l’attivazione dei registratori telematici per la memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivi può essere effettuata anticipatamente, prima del 1° luglio 2019, ma contestualmente per tutti i punti vendita (Agenzia delle Entrate – Risposta 21 giugno 2019, n. 201)

Tutti i soggetti che effettuano le operazioni di commercio al minuto e attività assimilate, ad eccezione di quelle esonerate, memorizzano elettronicamente e trasmettono telematicamente all’Agenzia delle entrate i dati relativi ai propri corrispettivi giornalieri, mediante strumenti tecnologici che garantiscano l’inalterabilità e la sicurezza dei dati.
Laddove il contribuente voglia su base volontaria, mettere in servizio i registratori telematici prima del 1° luglio 2019, potrà conseguentemente procedere alla memorizzazione ed invio dei dati dei corrispettivi giornalieri.
Resta inteso che, per lo stesso soggetto passivo d’imposta, non saranno ammissibili certificazioni dei corrispettivi giornalieri effettuate in forma promiscua – ossia in parte tramite trasmissione telematica ed in parte tramite scontrino/ricevuta fiscale (ad esempio, in ragione dei diversi punti vendita) – né, sino al 1° luglio 2019, la memorizzazione e l’invio telematico dei dati potranno ritenersi sostitutivi degli obblighi di registrazione.
Pertanto, ferma restando la possibilità di una sostituzione graduale dei registratori di cassa con quelli telematici, appartenendo i diversi punti vendita ad un unico soggetto passivo IVA, gli stessi andranno attivati, anche prima del 1° luglio 2019, ma contestualmente per tutti i punti vendita.